Recensione: HALSEY – Manic

Recensione: HALSEY – Manic

Dopo il successo di Whitout me, Halsey diventa ancora più chirurgica e dimostra di essere in grado di sparigliare le carte mostrandosi la numero uno nel suo mondo anti-pop .

Halsey si è imposta nelle chart USA e non solo. Le doti che ne hanno caratterizzato la rapida ascesa sono sicuramente l’empatia orecchiabile da una parte e la capacità di esser specifica nei testi, dall’altra. In Manic, Halsey alza l’asticella eseguendo una biopsia chirurgica musicale che ha mostrato tutoli suo dolore, angoscia, sfaccettature recondite.

Nel suo terzo album in studio, Halsey esegue una biopsia musicale, aprendole il torace ed esaminandone il contenuto con precisione chirurgica. In questo senso, l’album è infuso di dolore – ogni canzone del disco è intrisa di un senso di angoscia, mentre la star studia attentamente ogni sfaccettatura di sé stessa. Così se il pop lascia pennellate accomunabili a molti, Halsey prende il pennino.

Il suo approccio antitetico è evidentemente antitetico al suo precedente album, si spoglia e mostra la sua vera anima. Ashley Frangipane – infatti, apre letteralmente il suo album con una delle sue canzoni più introspettive, intitolata “Ashley”.

Alcuni dei momenti migliori di Manic arrivano quando Halsey toglie la superficie musicale per permettere all’ascoltatore di provare esattamente quello che sta provando. Un esempio su tutti “More”, la ninna nanna scritta a una bambina non ancora avuta.

In  Manic, Halsey non si arrende ai desideri di nessuno che non sia lei stessa. Non offre mai un’immagine santificata, ma mostra ciò che succede nella realtà, disordinata, complicata, drammatica ed è per questo che Manic risulta così vero.

Score:  8,00

Tre brani da ascoltare subito: Ashley – More – 929

Tracklist:  

  1. Ashley
  2. Clementine
  3. Graveyard
  4. You should be sad
  5. Forever … (Is a long time)
  6. Dominic’s Interlude
  7. I Hate Everybody
  8. 3AM
  9. Without me
  10. Finally /Beautiful Stranger
  11. Alanis’ Interlude
  12. Killing Boys
  13. Suga’s Interlude
  14. More
  15. Still Learning
  16. 929

Discografia:

2014 – Room 93
2015 – Badlands
2017 – Hopeless Fountain Kingdom
2020 – Manic

Video: 

Web & Social : 

OFFICIAL WEBSITE
INSTAGRAM
FACEBOOK
TWITTER

  38.965.613  ASCOLTATORI MENSILI (gennaio)
Related Posts