Intervista: DIODATO – Fai Rumore è un invito a far sentire la propria umanità

Intervista: DIODATO – Fai Rumore è un invito a far sentire la propria umanità

Diodato cantante è eclettico dall’ego smisurato, Diodato persona invece è molto umile. Al suo terzo festival di Sanremo, presenta il brano “Fai Rumore”, una straordinaria canzone d’amore.

Diodato si è aggiudicato il Premio Lunezia per Sanremo 2020. Il 14 febbraio uscirà il suo nuovo album dal titolo “Che Vita Meravigliosa”.

Le sensazioni durante il festival
Sono molto contento di essere qua perché arrivo a questo festival dopo aver iniziato un percorso molto importante. Passo dopo passo sono arrivato a vedere un percorso in cui mi riconosco perfettamente, in cui vedo anche il ritorno di molti sacrifici silenziosi fatti in questi anni. Non mi ritengo un tipo che si mette molto in mostra, ma sono contento perché arrivo qua con molto affetto. Tutti noi vogliamo sentirci amati, ma noi artisti ancora di più perché ci portiamo dentro quel bimbo che ha bisogno di essere amato per tutta la vita. Da “Che Vita Meravigliosa”, il brano colonna sonora del film “La dea Fortuna”, che ha dato il titolo al mio prossimo album, per arrivare poi a “Fai Rumore”,  sono contento che questi due brani si tengano per mano. Credo che la cosa più importante di tutti, al di là dei riconoscimenti, è ricevere messaggi del tipo “hai scritto la mia canzone”.

La colonna sonora del film “La Dea Fortuna”
Non è la prima volta che la mia musica si lega a delle immagini. Ho sempre provato disagio sentire la mia musica sulle immagini di film, ma questa volta ho goduto. Il brano originale parte con cori e fiati, ma nel film abbiamo lavorato con una voce a cappella. Abbiamo avuto la sensazione che ci fosse un legame fortissimo tra il film e la canzone. Quando Ferzan Özpetek, ha ascoltato i primi 30 secondi del brano con le immagini del film, ha capito che era lei.

Il brano “Fai Rumore”
Mi è capitato allontanarmi da un’altra persona, e si creano dei silenzi che amplificano le distanze. È un invito a far sentire la propria umanità, è un rumore dolce, può essere anche manifestare il proprio disappunto, ma l’importante è farsi sentire, altrimenti quei silenzi rischiano di amplificare anche delle considerazioni errate. Nel mondo di oggi c’è anche una parte composta da persone che cercano di imporre la loro idea e non vogliono ascoltare nessun altro, senza stare attenti all’utilizzo delle parole, e l’altra parte, che è contro questi urlatori talvolta rimane troppo in silenzio, è un invito anche a loro di far sentire il proprio dissenso.

Clicca per leggere l’intervista sul nuovo disco  “Che Vita Meravigliosa”

WEB & SOCIAL 

Instagram

Facebook

Twitter

Sito Web
Related Posts