Recensione: THE LATHUMS – “How Beautiful Life Can Be”

Recensione: THE LATHUMS – “How Beautiful Life Can Be”

Istruzioni per l’uso: dimenticatevi rap, trap, drill o similari e dimenticatevi il pop luccicante pieno di campioni e suoni al computer. Indossate il vostro chiodo, i vostri jeans neri e preparatevi ad entrare nel mondo dell’indie-brit.

Finalmente qualcosa che smuove.
“How Beautiful Life Can Be” è il debutto di questo quartetto di ventenni di Wigan che non si fa ammaliare dai facili successi.  

Da molti definiti i nuovi Smiths (il cantato del leader Alex Moore in molte canzoni ricorda la fragilità di  Morissey), i The Lathums hanno un sound pieno di chitarrine new wave ma trasudano anche di Kooks, Arctic Monkeys, Keane e in certi tratti guardano perfino ai Madness (I See Your Ghost).

Sotto il profilo lirico lo spessore delle loro canzoni non affonda nel colto e ispirato dei loro antenati indie: i loro testi sono semplici e basici. 

Problematiche sociali, rapporti vita quotidiana ma il tutto affrontato in modo generico senza andare in profondità. 
Un qualcosa senza pretese, di poco impegnativo, da ascoltare e consumare che, senza dubbio, risulta vincente ed apprezzabili alle nuove generazioni abituate alla rapidità del social.  

I ragazzi della porta accanto. Nessun atteggiamento e preconfezionamento da star, ma solo voglia di suonare e di fare musica.
Così sono arrivati alla numero uno della classifica Uk. 
Meno male !!! 

SCORE: 7,50

DA ASCOLTARE SUBITO

Circles Of Faith – Fight On – The Great Escape – 

DA SKIPPARE SUBITO

Non mi fa impazzire I’ll Get By. Incolore I Know That Much. 

TRACKLIST

DISCOGRAFIA 

2021 – How Beautiful Life Can Be
 

VIDEO 

Related Posts
1 Comment
    • newsic_redazione
    • On: 3 Ottobre 2021

    Scrivi il tuo commento e il tuo parere sul disco e sulla recensione…

    Rispondi
Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *