Recensione: COLDPLAY – “Music of Spheres”

Recensione: COLDPLAY – “Music of Spheres”

La struttura portante di questo atteso nuovo disco dei Coldplay era già in parte nota. I singoli Higher Power, Coloratura e My Universe ne avevano di fatto tracciato una ipotetica linea di navigazione. 

Adesso che ho il composto sonoro nella sua completezza mi trovo con sei canzoni nella loro forma classica e sei viaggi sperimentali (quelli che non hanno il titolo ma le iconcine) di cui tre strumentali e tre che spaziano in un universo parallelo sci-fi dove Chris Martin e soci ci vogliono portare. 

Everyone is an alien somewhere’ (ognuno è alieno da qualche parte)

E’ il motto di questo disco ed è la sua rappresentazione. Parlare di concept album forse è un po’ ambizioso ma sotto il profilo della architettura generale del progetto potrebbe benissimo esserlo. 

Nelle canzoni dell’album scritte dalla band, oltre ai BTS e a Selena Gomez, troviamo anche tutti i figli dei membri della band, John Hopkins, musicista e compositore britannico, principalmente attivo nell’ambito della musica elettronica e Stephen Fry, attore, doppiatore, comico, autore tv, sceneggiatore e scrittore, il duo americano R&B composto dalle gemelle Amber e Paris Strother, Jacob Collier, polistrumentista e produttore britannico e l’italiano Davide Rossi.

Alla fine, ascoltandolo un paio di volte, non è che mi rimane granché da questo disco soprattutto se lo confronto al passato.
Ipoteticamente dovrei prendere un telescopio cosmico per vedere quello che erano i Coldplay di “Yellow” di vent’anni fa.

Un viaggio astrale, tra algoritmi e business è quello fatto dalla band. Piacere per forza e sempre nell’universo pop, perdendo, inevitabilmente, la spontaneità e l’ardore dei loro inizi.

Personalmente mi manca la connessione con Kaotica (il loro mondo parallelo). Non riesco ad esserci teletrasportato dentro, sia a livello emozionale, sia a livello lirico. 
A momenti entro ma perdo troppo spesso la connessione. 

Ci riproverò…

SCORE: 6,25

DA ASCOLTARE SUBITO

Let Somebody Go – ❤

–  Biutyful

DA SKIPPARE SUBITO

Humankind sicuramente funzionale per il disco ma non mi piace.
♾ è un coretto da stadio rivisto in versione stellare. Boh! 

TRACKLIST

DISCOGRAFIA 

2000 – Parachutes
2002 – A Rush of Blood to the Head
2005 – X&Y
2008 – Viva la vida or Death and All His Friends
2011 – Mylo Xyloto
2014 – Ghost Stories
2015 – A Head Full of Dreams
2019 – Everyday Life
2021 – Music of Spheres

VIDEO 

WEB & SOCIAL 

https://www.coldplay.com

 

Related Posts
Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *