MYSS KETA: il nuovo album PAPRIKA traccia per traccia

MYSS KETA: il nuovo album PAPRIKA traccia per traccia

E’ stato presentato oggi in una gastronomia di Milano, tra Mortadelle e Lambrusco, il nuovo disco di M¥SS KETA “Paprika”. 

Dopo il viaggio interiore e oscuro del precedente UNA VITA IN CAPSLOCK, M¥SS KETA traccia una nuova traiettoria nel suo percorso artistico e svela il lato positivo e future-pop della propria personalità. 

Un titolo che omaggia esplicitamente il maestro del cinema erotico d’autore Tinto Brass e una cover che cita l’iconica Valeria Marini di Bambola, pellicola dello spagnolo Bigas Luna, mixati però con un’estetica che richiama gli anime giapponesi, in particolare l’omonimo PAPRIKA del maestro Satoshi Kon.

myss-keta-1-2019

Il nuovo piccantissimo progetto della regina della notte è uno scintillante caleidoscopio di situazioni sexy e variopinte, nato dalle menti di M¥SS KETA, Dario Pigato, RIVA e Simone Rovellini. Un album color rosso ardente e dal sapore forte, fortissimo. Anche romantico sì, ma nel modo che intende M¥SS: amori fugaci, inseguimenti lisergici e love story consumati al luna park in maniera ironica e consapevole, raccontati al suono di r’n’b americano di inizio millennio e rap old school, con venature world (dai Caraibi al Medio Oriente) e futuristiche influenze avant pop. PAPRIKA proietta M¥SS al centro di un universo dove il pluralismo dei rapporti e l’accelerazione la fanno da padrone.

Attraverso 14 brani, di cui 11 nuovi di zecca e 3 remix, M¥SS KETA ci spalanca le porte su una nuova pagina della sua storia, scritta anche attraverso le prestigiose collaborazioni presenti nel disco: da Gué Pequeno – featuring del secondo singolo estratto, PAZZESKA , al vincitore di Sanremo 2019 Mahmood, da Wayne Santana della Dark Polo Gang a Gemitaiz, Luchè e Quentin40. Fino ad arrivare al remix di un brano cult come LE RAGAZZE DI PORTA VENEZIA con Elodie, Joan Thiele e Priestess. Spiccano inoltre le produzioni di Populous, Gabry Ponte e Cacao Mental, che rendono ancora più ardente il lavoro di produzione sull’album svolto da RIVA.

La diva definitiva nata fra le guglie tardo-gotiche del Duomo di Milano e ormai artista celebrata sul piano internazionale si confronta dunque con altri artisti, nuovi punti di vista che vanno a confluire nell’universo M¥SSKETIANO, che diventa così caleidoscopico.

PAPRIKA è un quadro policromo in cui la dominante di colore è costituita dall’alta qualità del suono e da una ricerca stilistica che scandaglia una vastità di generi e contaminazioni sia dal passato che dalle “avanguardie” del presente. Una sorta di gastronomia in cui M¥SS invita i suoi ospiti stellari servendo assaggi del proprio mondo, come fossero stuzzicanti bocconcini di mortadella.

E subito dopo la release, al via con gli appuntamenti instore e una prima serie di date live che toccherà l’apice il 25 maggio a Milano con l’attesissima esibizione al MI AMI Festival 2019.

Ecco il disco traccia per traccia: 

Sacerdotessa della creatività femminile, la nostra “rrriot girl” ancora una volta mescola in un esplosivo frullato pop “l’alto” e il “basso”, il colto con il popolare, lasciando sempre il dubbio di chi o cosa appartenga a una categoria piuttosto che a un’altra. PAPRIKA si apre con la sboccatissima invettiva di un’icona della cultura queer italica:

ALSO SPRACH ELENOIRE (FEAT. ELENOIRE FERRUZZI) è un titolo che fa subito venire alla mente Nietszche e Strauss, se non fosse che in realtà è un omaggio al Kanye West di The College Dropout ma soprattutto a un regista simbolo della controcultura americana John Waters e alla sua musa Divine.

BATTERE IL FERRO FINCHÉ È CALDO, grazie a un beat old school che richiama gente del calibro di Grandmaster Flash e RUN DMC e al bollente basso di LIM, M¥SS prepara il campo al suo pubblico prima di cominciare la partita, come il coach di una squadra di calcio. Il brano seguente è il primo dei 3 remix presenti nel disco, versione incendiaria di uno dei pezzi cult della tigre meneghina.

UNA DONNA CHE CONTA REMIX FEAT. WAYNE SANTANA (dal precedente UNA VITA IN CAPSLOCK), realizzata insieme al componente della Dark Polo Gang, il cui percorso si è più volte incrociato con quello di M¥SS.

MAIN BITCH, primo singolo che ha anticipato il nuovo album e presentato in anteprima il 2 febbraio al Mediolanum Forum di Assago in occasione dello show di apertura a Cosmo: traccia metal trap con atmosfere da fumetto Marvel e raggio della morte Tesla che rendono M¥SS una vera “arma di distruzione di maschi”.

BOTOX REMIX FEAT. GEMITAIZ è il secondo remix di PAPRIKA, reload di un’altra hit del precedente disco. Ma stavolta è un verso infuocato di Gemitaiz che ci fa entrare nel mondo di BOTOX dalla porta di un oscuro club, dove, dopo un paio di drink modificati incontriamo la nostra KETA.

PAZZESKA FEAT. GUÉ PEQUENO – secondo singolo dell’album che oltre al re del rap ospita anche un piccolo cameo dell’iconica Stephanie Glitter – è un’ipnotica danza del serpente proveniente dal futuro che innesta strumenti della tradizione turca su un beat reggaeton curato da Populous.

TOP FEAT. LUCHÈ dà il ritmo a un dialogo fra una trasognante M¥SS e il leggendario rapper ex Co’Sang. A questo punto l’atmosfera è pronta per risucchiarci in un vortice di romanticismo postmoderno.

ROSE PER TE FEAT. QUENTIN40 – prima vera canzone d’amore del repertorio di KETA che per l’occasione si affida a un beat tributo all’R’N’B americano di Janet Jackson e Jermaine Dupri – la Signora si offre come un “buon partito” a un irresistibile Quentin40 che per lei si dichiara pronto a un Quentin41BIS.

MORTACCI TUA è un brano sentimentale in cui M¥SS, insieme agli alfieri della cumbia contemporanea Cacao Mental, ci trasporta in un lisergico spaghetti western di ambientazione messicana, sfondo perfetto per consumare un amore dal sapore Tarantiniano.

CLIQUE, invece la nostra KETA rimane in Messico e chiama a raccolta la sua gang per fare un giro nei peggiori club del luogo in compagnia di Populous: il risultato è una tropicalissima pop song intrisa di baile funk e dembow.

 LE RAGAZZE DI PORTA VENEZIA – Una gang che si allarga ad altre tre protagoniste della nuova scena nazionale come Elodie, Priestess e Joan Thiele nel remix di un classico del repertorio KETIANO, campionata nientemeno che con un pezzo del 1974, Anishilabi di Batsumi, in un turbine di atmosfere hip hop e afrojazz. Un vero inno alla libertà sapientemente lavorato a quattro mani da RIVA e Rocco Rampino.

B.O.N.O – Sonorità da house britannica, dolcemente avvolta dalla pop-dance, fanno da sfondo a una “situazione” da week end estivo, storia di un amore fugace consumato alle prime luci di un mattino di luglio.

LA CASA DEGLI SPECCHI – Allucinato e psichedelico è invece l’incontro dentro un luna park stregato fra M¥SS e un maestro come Gabry Ponte che trascina l’ascoltatore, stordendolo, dentro un labirinto tech-house.

FA PAURA PERCHÉ È VERO FEAT. MAHMOOD: M¥SS non si toglie la maschera fisicamente ma emotivamente, si confessa e si racconta incrociando gli incredibili ritornelli del celebrato vincitore di Sanremo 2019 Mahmood, sul ricordo sonoro dell’hip hop francese anni ’90 e dell’R’N’B inglese dell’ultimo decennio. Conferma ulteriore e definitiva del raffinato lavoro di ricerca stilistica compiuto da RIVA e M¥SS.

 

M¥SS KETA è l’angelo dall’occhiale da sera. E dal volto velato. La sua identità nascosta è il modo migliore per dire la Verità, perché “non avendo volto, c’è un po’ di M¥SS in ognuno di noi”.

Performer situazionista, rapper dall’attitudine punk, icona pop e diva definitiva, ha esordito nel 2013 con Milano, sushi e coca. Da lì in poi, una serie di successi stratosferici come In gabbia (non ci vado), Burqa di Gucci, Le ragazze di Porta Venezia, raccolti successivamente nel greatest hits L’angelo dall’occhiale da sera: col cuore in gola (2016). Nell’estate 2017 pubblica per l’etichetta La Tempesta l’EP Carpaccio ghiacciato, in cui spicca la collaborazione con Populous, che ha prodotto il singolo Xananas. In questi anni ha infiammato i palchi dei maggiori festival e club di tutta Italia in un tripudio di electro, house, rap, dubstep che sembra generato dal suo stesso corpo, arrivando anche a toccare le capitali europee. Bassi profondi battuti da vertiginosi tacchi a spillo glitterati. Una vera sacerdotessa della notte pronta ad aizzare le masse di fedeli con il suo verbo dissacrante, eccessivo, radicalmente iperrealista. I suoi live sono esperienze extrasensoriali, i suoi testi la radiografia di una Nazione. Una donna di spettacolo, ma soprattutto uno spettacolo di donna, che non ha saputo dir di no agli insistenti corteggiamenti del mondo della moda, che l’ha fatta diventare la modella e icona più desiderata da svariati stilisti del Bel Paese e non solo.

Con fare camaleontico dice di aver trascorso estati in compagnia dell’avvocato Gianni Agnelli ed Edwige Fenech negli anni ’80. Negli anni ’90 invece sostiene di aver flirtato in barca a vela con Massimo d’Alema al largo della Costa Smeralda, e con Sophia Loren a Courmayeur. Ancor prima di tutto ciò sembrerebbe essere stata la prima musa di Salvador Dalí e Andy Warhol, per citarne soltanto alcuni.

Nell’aprile 2018 esce per Universal Music/La Tempesta UNA VITA IN CAPSLOCK, il suo primo vero album, acclamato anche dalla critica più snob. Un successo senza precedenti accompagnato da un monumentale tour che ha reso ancora più calda l’estate del Bel Paese e ha portato la regina della trasgressione anche in televisione: dopo aver conquistato Piero Chiambretti che l’ha voluta nell’ultima edizione di Matrix Chiambretti e la partecipazione a StraFactor 2018,  M¥SS è stata scelta come unica donna ospite di Mara Impara – La nuova musica, il primo format televisivo di Billboard Italia condotto da Mara Maionchi su Sky Uno.

La consacrazione internazionale è arrivata con l’esibizione durante l’autunno 2018 nel tempio della techno mondiale, il famigerato Berghain di Berlino, nella stessa stagione che l’ha vista protagonista anche del mondo letterario con il suo primo libro, Una donna che conta, pubblicato da Rizzoli Lizard.

Il 2 febbraio 2019 al Mediolanum Forum, nello show di apertura a Cosmo, ha presentato Main Bitch, mentre nella simbolica data dell’8 marzo ha rilasciato PAZZESKA con il featuring di Gué Pequeno. Entrambi i brani hanno anticipato il nuovo piccantissimo progetto, PAPRIKA, fuori il 29 marzo 2019 per Island/Universal.

 

DATE INSTORE

Torino 30 marzo ore 15:00 @Feltrinelli Stazione Porta Nuova

 Milano 31 marzo ore 18.00 @Mondadori Duomo

Roma 3 aprile 18:00 @Discoteca Laziale

Bologna 4 aprile 18:00 @Mondadori Bookstore c/o Spazio Ducati

Firenze 5 aprile 15:00 @Galleria del disco c/o Caffè Letterario

PROSSIME DATE LIVE

28/03 MIL, LISBONA

30/03 SPAZIO 211, TORINO | SOLD OUT

5/4 VIPER THEATRE, FIRENZE |https://bit.ly/2Oknizs

6/4 TEATRO SOCIALE, COMO | http://bit.ly/marker2019

20/4 ROKOLECTIV FEST, BUCAREST

27/4 NEW AGE, RONCADE (TV) | https://bit.ly/2FopWQt

30/4 MONK, ROMA | https://bit.ly/2GCuYv0

10/5 LOCOMOTIV, BOLOGNA

17/5 DEJAVU, TERAMO

25/5 MI AMI, MILANO | https://bit.ly/2HNR928

19/7 MELT FESTIVAL, FERROPOLIS | https://meltfestival.de/en/

Related Posts