JENNIFER LOPEZ è il nuovo volto della Campagna SS20 Versace

JENNIFER LOPEZ è il nuovo volto della Campagna SS20 Versace

Jennifer Lopez è il nuovo volto della Campagna SS20 Versace, firmata da Mert&Marcus. Protagonista è ancora il jungle dress, l’abito che ha scritto una delle pagine più importanti della storia della moda…e di Google.

Tutto fa pensare che questo sia l’anno del Jungle Green, altro che Classic Blue. Lo abbiamo sospettato quando Jennifer Lopez, a sorpresa, ha imposto al pubblico della sfilata Spring/Summer 2020 di Versace la più dura delle verità: la vecchiaia non è mica obbligatoria, a cinquant’anni suonati puoi ancora falcare una passerella con la coscia lucida e striata da muscoli tonici, un intarsio di addominali e un décolleté tale da tenere su l’intera gloria del Cielo, persino se indossi un vestito che – orrore! sacrilegio! ma si può?! – è praticamente identico a quello che hai già messo una volta.

Jennifer Lopez Versace SS20

Jennifer Lopez chiude la sfilata SS20 di Versace

Ora, diciamoci la verità: il vestito incriminato non è un vestito qualsiasi, e non è proprio uguale uguale a quello già indossato ai Grammy Awards del 2000. In quell’occasione, Jennifer Lopez si presentò al cospetto del pubblico e dei fotografi avvolta in un sottile velo color foresta pluviale, dando il via ad un interminabile fiume di commenti e scatenando un rumore mediatico senza precedenti: in pochi potevano permetterselo (15.000 dollari il suo valore commerciale all’epoca), ma tutti ne parlavano e tutti volevano guardarlo, contemplarlo, affondare in quel mazzo di alghe verdi, cibare gli occhi di quel cespo di insalata esotica che incorniciava una delle donne più belle del mondo, l’unica che in un solo momento era riuscita a mettere d’accordo carnivori e vegetariani.

La stessa Donatella Versace capì in quel momento che qualcosa era cambiato nella sua carriera e nel ruolo che aveva in azienda: poteva finalmente camminare sulle sue gambe, anche senza il supporto dell’amato fratello Gianni, mancato prematuramente. Le due regine si incoronavano a vicenda, stringendo un’amicizia oltre qualsiasi convenienza e ritorno personale. La forza del girl (green) power.

Jennifer Lopez Grammy 2000 Versace

Jennifer Lopez ai Grammy 2000 con il Jungle Dress Versace.

Leggenda narra che l’occhio lungo di Google, notando il numero eccezionale di ricerche e download dell’immagine di Jennifer Lopez col Jungle Dress – così fu ribattezzato – in un’epoca in cui ancora passavamo le serate a ritagliare le immagine dalle riviste, capì che era arrivato il momento di dotarsi di un tool rivoluzionario: Google Images. Gli utenti non volevano cercare solo testi, ma anche immagini. Non volevano leggere del Jungle Dress di J.Lo, volevano che si palesasse immediatamente davanti ai propri occhi.

Fu così che il Jungle Dress divenne storia. Oggi, a vent’anni da quel 23 febbraio 2000, la storia si ripete: Jennifer Lopez è testimonial della collezione Versace SS20. L’avevamo annusato durante la sfilata  (per la cronaca: il traffico social stimato a seguito della sua comparsa in passerella è stato di 9.4 milioni di dollari), e ci ha dato conferma lei stessa via Instagram giusto una manciata di ore fa.

 

Gli autori della campagna Mert & Marcus hanno voluto rendere omaggio proprio a Google Images utilizzando grafiche di stampo futurista, ispirate al mondo cyber.

Non me ne voglia Kendall Jenner se lo dico soltanto alla fine di questo articolo, ma anche lei è testimonial della campagna. Il problema è che con Jennifer Lopez di mezzo non basta un’intera famiglia Kardashian per stare al suo livello – nemmeno se si scomodasse tutto l’albero genealogico – e neanche quei 20 milioni di followers in più su Instagram.

Jenny from the block mica a caso.

J.LO WEB & SOCIAL 

twitter.com/JLo
instagram.com/jlo
facebook.com/jenniferlopez

photo: twitter.com/Versace
Related Posts