Il nuovo project-album dei Gorillaz assorbe le preoccupazioni dei nostri giorni e nei rigurgita i dubbi e le ansie in modo musicale.

Brexit, Donald Trump, lo sfascio sociale, l’apocalisse mediatica. Tutto questo caos-confuso viene raccontato, descritto e suonato, dalla cartoon band per eccellenza, in modo cinico e asettico.

Albarn, Hewlett e soci si cimentano in un disco-party per il festone della fine del mondo.
Nella lista degli invitati una infinità di guest canore: De La Soul, Grace Jones, Noel Gallagher, Mavis Staples, Anthony Hamilton, Pusha T, Peven Everett, Popcaan, Danny Brown, Vince Staples, Kelela, Jehnny Beth e more and more…

Tra i brani spiccano  la stilosa e house “Strobelite” e “Submission”, la reggae-trap “Saturnz Barz”, l’ossessiva “Charger” quella con Grace Jones, la anni ottanta “Andromeda”.
E poi ancora non male l’introspettiva  “Busted and Blue “, l’eterea “Carnival”, la hip hop “Momentz” e “Let Me Out” o la liturgica “Hallelujah Money”.

Un disco, forse, di transizione.
Una percezione che manca forse qualcosa che amalgami meglio il tutto e renda perfette tutte le positive intuizioni di Albarn e Co.

TRACKLIST

Intro: I Switched My Robot Off
Ascension (feat. Vince Staples)
Strobelite (feat. Peven Everett)
Saturnz Barz (feat. Popcaan)
Momentz (feat. De La Soul)
Interlude: The Non-Conformist Oath
Submission (feat. Danny Brown & Kelela)
Charger (feat. Grace Jones)
Interlude: Elevator Going Up
Andromeda (feat. D.R.A.M.)
Busted and Blue
Interlude: Talk Radio
Carnival (feat. Anthony Hamilton)
Let Me Out (feat. Mavis Staples & Pusha T)
Interlude: Penthouse
Sex Murder Party (feat. Jamie Principle & Zebra Katz)
She’s My Collar (feat. Kali Uchis)
Interlude: The Elephant
Hallelujah Money (feat. Benjamin Clementine)
We Got the Power (Version 2:18:482) (feat. Jehnny Beth)

DISCOGRAFIA
2001 – Gorillaz
2005 – Demon Days
2010 – Plastic Beach
2011 – The Fall
2017 – Humanz

GORILLAZ
Humanz
VISIONE 7.5
MUSICA 7
LIRICHE 6.5
7Punteggio totale

A proposito dell'autore

Post correlati