Ho cercato di avere mente completamente sgombra prima di schiacciare play su “Non abbiamo armi”. Ho messo a tacere la voce per cui Ermal lo hai ascoltato sempre e comunque nelle sue mille forme.

“Non abbiamo armi” é un cuore che pulsa. È l’album che porta alla consapevolezza personale come uomo/donna in questa società che cambia velocemente. È un disco dei ricordi. Ricordi di qualche battito mancato o ritrovato. La fine di un amore pur volendosi ancora bene. La fotografia di qualche respiro corto. Un disco di un viaggio, di vita, di una carezza per ogni errore commesso. Ermal pone alta l’asticella della qualità, di quello che per me serve a definire un Bel Disco, tra arrangiamenti e testi vibranti in ogni singola parola. Un disco di immagini, un cortometraggio lungo un pezzo di percorso su questa terra. Un disco di amore che resta, che se ne va, che torna, di tempo. Un disco con cassa che batte, un disco arioso pur nella malinconia perché é l’unico modo di mitigarla. La musica cambia e trasforma ognuno di noi. “Non abbiamo armi” sicuramente cambierà un pezzetto di cuore di chi a Ermal vuole bene da sempre ma anche a chi no, una certezza. Fosse solo per l’umanità intrinseca che emana, fosse solo per il coraggio di raccontare la paura ma anche la forza di rialzarsi in tempi bui, la fiducia, il tempo che attraversa tutto, il coraggio di raccontare addii e ritrovamenti, di essenza, di vita comune.

 

Tre brani essenziali: Il vento della vita – 9 primavere – Non mi avete fatto niente

Quotes:
“Io non ho perso tempo a volte ho perso me per poi ritrovarmi” (Il vento della vita)

“Sono solo lacrime, i tuoi vestiti in sette borse da portare chissà dove” (9 primavere)

“I muri di contrasto alzati per il pane ma contro ogni terrore che ostacola il cammino,
il mondo si rialza col sorriso di un bambino”
(Non mi avete fatto niente)

 

TRACKLIST

Non mi avete fatto niente (con Fabrizio Moro)
Dall’alba al tramonto
9 primavere
Non abbiamo armi
Io mi innamoro ancora
Le luci di Roma
Caro Antonello
Il vento della vita
Amore alcolico
Quello che ci resta
Molto bene, molto male
Mi salvi chi può

DISCOGRAFIA

2017 – Vietato morire
2016 – Umano

 

Elena Rebecca Odelli

ERMAL META
NON ABBIAMO ARMI
VISIONE 7
MUSICA 7.5
LIRICHE 8
7.5Punteggio totale

A proposito dell'autore

Post correlati