Everything Now prosegue il viaggio all’interno delle sfaccettature della disco/electronica intrapreso con il precedente disco Reflektor.

Una strada segnata che in questo “Everything Now” vede anche la firma importante di Thomas Bangalter  la metà dei Daft Punk.

Gli Arcade Fire si e ci vogliono divertire.

Lo fanno scimiottando gli Abba in “Everything Now”, realizzando una doppia versione di “Infinite content” e “Infinite_content”. Rock tirato la prima contrapposto al pop -country della seconda.  Un gioco sonoro che prosegue il mistone tra Talking Heads e il  pop-disco-space di “Electric Blue”, con tanto di voce di Régine Chassagne che trasformata sembra quella della cantate della Rah Band e arriva a “Good God Damn”, intensa e densa liricamente e cantata con echi alla Strummer.

Dannatamente pop. Ma che bel pop quello degli Arcade Fire.
Indiscutibili.

Tre brani essenziali:  Signs of Life -Electric Blue – Good God Damn

Produzione:  Thomas Bangalter (Daft Punk),  Steve Mackey (Pulp), Geoff Barrow (Portishead) e Markus Dravs.

Quotes:
Monday, Tuesday, Wednesday, Thursday
Friday, Saturday, sometimes Sunday
Love is hard, sex is easy
God in Heaven, could you please me?
You think you invented life
You find it hard to define
But you do it every time
Then you do it again

You want to get messed up?
When the times get rough
Put your favourite record on baby
And fill the bathtub up
You want to say goodbye
To your oldest friends

TRACKLIST

Everything_Now (Continued)
Everything Now
Signs of Life
Creature Comfort
Peter Pan
Chemistry
Infinite Content
Infinite_Content
Electric Blue
Good God Damn
Put Your Money on Me
We Don’t Deserve Love
Everything Now (Continued)

DISCOGRAFIA

2004 – Funeral
2007 – Neon Bible
2010 – The Suburbs
2013 – Reflektor
2017 – Everything Now

 

 

ARCADE FIRE
Everything Now
VISIONE 7
MUSICA 7
LIRICHE 6.5
6.8Punteggio totale

A proposito dell'autore

Post correlati